Spiazza la pizza in piazza... o a casa tua

Spiazza la pizza in piazza... o a casa tua è la classica attività che non ti aspetti, quella innovativa, originale, quella che all’inizio non capisci e chiedi: eh? come? ti porta la pizza a casa? ah no? e allora che fa? ah, te la cuoce lì per lì? nel forno di casa tua? pizze già pronte? no? neanche questo? per niente? e allora che?

Spiazza la pizza in piazza... o a casa tua è la classica attività che non ti aspetti, quella innovativa, originale, quella che all’inizio non capisci e chiedi: eh? come? ti porta la pizza a casa? ah no? e allora che fa? ah, te la cuoce lì per lì? nel forno di casa tua? pizze già pronte? no? neanche questo? per niente? e allora che?

E allora Gabriele Matteuzzi se ne va in giro per tutta Firenze, il Chianti, e non solo, col suo moderno forno a legna itinerante - che ha un ingombro minimo e perfettamente accettabile per chiunque possegga anche un semplice giardinetto, un cortile, un pur piccolo spazio all’aperto -, si posiziona tranquillo dove può lavorare in santa pace, prepara magistralmente la pasta con farine di grani antichi macinate a pietra, 240 gr a pezzo, secondo i dettami della migliore pizza napoletana, attende che il forno raggiunga la temperatura di 380°-400°, nel frattempo stende la pasta rigorosamente a mano, vi pone sopra gli ingredienti, esclusivamente locali e di alta qualità e, quando il forno è pronto, in pochi minuti il gioco è fatto e si ha davvero la possibilità di goderci una pizza fuori dal comune. Come lo so? Perché ho assistito a tutto il processo e alla fine l’ho mangiata, come dimostrato dal simpatico video realizzato da Enzo.

Una delle prime domande "cattive" che ho posto a Gabriele quando l’ho conosciuto è stata: bello, figo, ma quanto mi verrebbe a costare se, ad esempio, organizzassi una cena tra amici nel giardino di casa mia? Al che lui mi ha proposto una cifra (onestissima) a persona, e subito ha aggiunto: ma potete mangiare quante pizze volete.

Cioè, in altre parole, per questo costo fisso a persona posso mangiare anche dieci pizze? E i miei amici la stessa cosa?

Esatto. Anche cento.

Fatti un paio di calcoli, mi verrebbe molto meno chiamare lui che 1. viene a casa mia; 2. opera un sopralluogo senza impegno; 3. se si decide di procedere, si porta dietro tutta l’attrezzatura necessaria; 4. mi prepara con antica arte tante diverse pizze naturalissime composte da ingredienti di prima scelta e 5. per lo stesso prezzo me ne sforna quante ne voglio, piuttosto che andare a un ristorante qualunque a mangiare una (sola) pizza qualunque.

A voi trarre le conclusioni. Ma per compleanni, feste di laurea, cene aziendali, matrimoni, feste per bambini con laboratorio di pizza, o anche solo per una "pizzata tra amici" un po' diversa dalle altre, io ci penserei seriamente.

"Vieri Tommasi Candidi" 

P.S. Se non disponete d’uno spazio esterno, Gabriele ed Elisa (la sua ragazza chef) vi possono anche procurare la location nei dintorni di Firenze dove organizzare l'evento. Che volete di più?